Casatiello napoletano: la ricetta originale del rustico salato

Casatiello napoletano: la torta salata tipica del periodo pasquale

Ingredienti:
• 600 g di farina 00
• 350 g di acqua
• 30 g di strutto
• 15 g di lievito di birra
• sale q.b.
• pepe q.b.
• olio extravergine di oliva q.b
• 160 g di salame napoletano
• 130 g di pecorino
• 3 uova
difficoltà: difficile
persone: 8
preparazione: 60 min
cottura: 50 min

Il casatiello napoletano è un rustico salato farcito con salame e pecorino e guarnita con le uova, immancabile a tavola durante il periodo delle festività pasquali.

Oggi prepariamo la ricetta del casatiello napoletano, un rustico che viene spesso servita a Pasqua, insieme al tortano. Questa torta salata non è altro se non un lievitato arricchito con cubetti di salame, pecorino e decorato con uova.

La differenza sostanziale fra tortano e casatiello sta nell’uso delle uova: nel casatiello vengono disposte sopra agli estremi del ciambellone salato, e poi fissate con una croce di pasta, che assume una simbologia cristiana. Nel tortano, invece, le uova sono parte integrante del ripieno.

Insomma, che cosa stiamo aspettando? Andiamo a vedere come preparare questo rustico napoletano: ecco a voi la ricetta originale del casatiello salato!

Casatiello salato
Casatiello salato

Come fare il casatiello salato napoletano

Cominciate prendendo una ciotola capiente e mischiate l’olio, lo strutto e la farina, mescolando con delicatezza gli ingredienti per farli amalgamare per bene. Nel frattempo, sciogliete il lievito nell’acqua e unite il tutto, aggiustando anche di sale e di pepe.

Lavorate l’impasto energicamente e quando avrete ottenuto un composto omogeneo, lasciatelo lievitare per almeno 1 ora.

Quando sarà trascorso il tempo necessario, stendete l’impasto sul vostro piano di lavoro infarinato e disponete al centro i pezzetti di pecorino e il salame tagliato a quadratini. Arrotolate su se stessa la pasta.

Prendete uno stampo per ciambelle leggermente unto e infarinato e mettetevi dentro il rotolo di pasta, unendo le due estremità. Posizionate le uova e sigillatele con delle croci di pasta. Cuocete in forno a 180 °C per circa cinquanta minuti.

Casatiello: varianti e conservazione

Conservate in un luogo fresco per 3/4 giorni massimo. Volendo, dopo la cottura, potete anche congelarlo a fette e scongelarlo all’occorrenza.

Oltre alla farcitura tradizionale, per il ripieno, potete un po’ sbizzarrirvi con i salumi e il formaggio che preferite.

Una curiosità: a Napoli si dice “sì proprio ‘nu casatiello!” per indicare una persona un po’ pesante, difficile, proprio questa preparazione.

Sapete che potete prepararlo anche dolce? Ecco la ricetta del casatiello dolce.

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 17-04-2019

X