Ingredienti:
• 1 kg di cinghiale
• 2 carote
• 2 gambi di sedano
• 2 cipolle
• 1 mazzetto di erbe aromatiche (salvia - rosmarino - alloro)
• 3 chiodi di garofano
• 2 spicchi di aglio
• 4 grani di pepe
• noce moscata q.b.
• 1/4 cucchiaino di cannella in polvere
• 750 ml di vino rosso (+ 1 bicchiere)
• 400 g di polpa di pomodoro
• olio extravergine di oliva q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 20 min
cottura: 240 min

Preparare il cinghiale in umido è più semplice di quanto si pensi e grazie ai nostri consigli otterrete una carne tenera e succulenta.

Ci sono alcune ricette che portano la mente indietro nel tempo e tra queste c’è il cinghiale in umido. Così diverso dalle moderne e quasi minimaliste preparazioni cui siamo abituati, questa non smette di perdere il suo fascino sebbene siano sempre meno coloro che decidono di cimentarsi con questo manicaretto. Difatti, se la bontà del cinghiale in umido è indiscutibile, lo stesso non si può dire sulla rapidità della sua preparazione.

La ricetta del cinghiale in umido richiede tempo: in una prima fase, per fa sì che la carne perda il sapore di selvatico, e poi per la cottura, lunga e lenta indispensabile per ottenere carni morbide e succulente. Insomma avrete capito che ci vuole pazienza ma vi garantiamo che questa sarà abbondantemente ripagata una volta portato a tavola. Pronti a mettervi all’opera?

9 ricette autunnali per la tua tavola

Cinghiale in umido
Cinghiale in umido

Come cucinare il cinghiale in umido

  1. Per prima cosa tagliate la polpa del cinghiale a tocchetti di 3 cm di lato e riuniteli in una ciotola capiente.
  2. Tagliate a tocchetti anche una carota sbucciata, un gambo di sedano e una cipolla e uniteli nel contenitore insieme a metà delle erbe aromatiche, ai chiodi di garofano e al pepe in grani.
  3. Coprite con il vino rosso, mescolate e lasciate marinare coperto con un canovaccio pulito per 8 ore.
  4. Trascorso il tempo della marinatura, scolate la carne e le verdure rovesciando il tutto in uno scolapasta.
  5. Scaldate un tegame e unite la carne, coprite con un coperchio e lasciate andare per qualche minuto, giusto il tempo che rilasci l’acqua.
  6. Scolatela nuovamente dall’acqua e rimettetela nel tegame. Coprite e lasciate andare di nuovo per qualche minuto quindi scolate. Ripetete questo passaggio per un totale di 3 volte o fino a quando non rilascerà più acqua.
  7. In un altro tegame rosolate un trito di sedano, carota, cipolla e aglio con qualche cucchiaio di olio.
  8. Unite poi la carne a tocchetti e le erbe aromatiche rimaste e rosolate per 20 minuti.
  9. Togliete le erbe e sfumate con un bicchiere di vino rosso.
  10. Aggiungete la polpa di pomodoro e iniziate la cottura. Ci vorranno all’incirca 4 ore durante le quali mescolerete di tanto in tanto, aggiungendo eventualmente acqua calda se dovesse asciugare troppo. La carne infatti deve essere sempre appena appena coperta.
  11. Circa a metà cottura, o comunque dopo un paio di ore, regolate di sale.
  12. Solo sul finire della cottura profumate con cannella e noce moscata.
  13. Non appena la carne sarà bella tenera, il vostro cinghiale in umido è pronto per essere servito.

Non esiste modo migliore di accompagnare il cinghiale in umido se non con una porzione di polenta o con delle patate lesse.

Conservazione

Potete riporre il cinghiale in umido in un contenitore ermetico e conservarlo in frigorifero per massimo 3 giorni. Riscaldatelo in padella aggiungendo eventualmente un poco di acqua. È anche possibile congelare il cinghiale in umido fino a quattro mesi. Al momento di consumarlo, fatelo decongelare in frigorifero e poi riscaldatelo in padella, sempre con un poco di acqua.

5/5 (1 Review)
Ricette autunnali

ultimo aggiornamento: 02-07-2021


Antipasti freddi: 10 ricette sfiziose perfette tutto l’anno

Torta salata vegana alle verdure alta e soffice!