Alcuni metodi e consigli su come cuocere pesce

Integrare la dieta con l’aggiunta di pesce è altamente consigliato per i benefici che questo alimento apporta alla nostra salute. E’ ricco di proteine molto più digeribili di quelle della carne degli animali da macello e la sua alta concentrazione di grassi insaturi omega tre fanno del pesce un cibo fondamentale per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e nella riduzione del colesterolo “cattivo”. Apporta molti sali minerali come il fosforo, lo iodio, il selenio e le vitamine A, B e D. Bisognerebbe consumare pesce tre-quattro volte alla settimana per approfittare al meglio delle sue proprietà nutrizionali.

Leggi anche: soufflé di merluzzo

I pesci si dividono in magri, con contenuto di grassi inferiore al 3% quali sogliola, orata, rombo, merluzzo, luccio, palombo, cernia.

I semigrassi hanno una percentuale di grassi che varia dal 3 al 9%, quali tonno, dentice, pesce spada, sardina, triglia, trota,cefalo.

Quelli  grassi come anguilla, sgombro, salmone contengono lipidi ad un livello superiore del 9%.

Come cuocere il pesce: bisogna tenere presente che una cottura prolungata può renderlo stopposo ed indigesto, quindi dobbiamo stare attenti a cuocerlo al punto giusto per gustarlo al meglio e approfittare delle sue tante qualità nutrizionali. Un’ottima regola per calcolare il giusto tempo di cottura dei pesci consiste nel misurare lo spessore massimo di un pesce e cuocere 10 minuti ogni due centimetri e mezzo, raddoppiando il tempo se si tratta di pesce congelato. La norma vale per qualunque sistema di cottura e qualunque tipo di pesce.

Uno dei metodi più usati per cuocere il pesce è quello della lessatura: il liquido nel quale il pesce verrà cotto non deve mai raggiungere l’ebollizione, che porterebbe a disidratare troppo l’alimento. Il pesce deve essere immerso nell’acqua tiepida già salata o aromatizzata con succo di limone e verdure come cipolle, carote, sedano e prezzemolo che esalteranno il gusto del pesce. Se si deve servire il pesce freddo, è consigliabile lasciarlo intiepidire nel suo brodo. Se dovete spelarlo, fatelo mentre è ancora caldo perché dopo sarebbe più difficile.

Per la cottura al vapore per la quale occorre l’apposita pentola, l’acqua di cottura non viene a contatto col pesce, ha un’ebollizione più forte e lo cuoce col vapore che emana. I tempi di cottura sono più lunghi di quelli per la lessatura. Cottura adatta per i filetti di nasello, san Pietro, scorfano, cernia, merluzzo, rombo, salmone, trota.

La cottura al forno è adatta per pesci interi che devono essere marinati con olio e aromi, usati successivamente per la cottura, oppure anche per tranci di pesce come il salmone. Il pesce messo nella teglia dovrà essere cosparso di pangrattato e bagnato spesso con vino bianco o succo di limone per evitare che si secchi troppo.

Il forno viene utilizzato anche per la cottura al cartoccio che è ottimo per mantenere inalterati aromi e sapori del pesce. Si avvolge il pesce già pulito in un foglio di carta di alluminio unta di olio o burro, con l’aggiunta di aromi come aglio o prezzemolo  o pezzetti di pomodoro o capperi per il tonno o finocchietto selvatico per il branzino e il pesce azzurro. Il cartoccio deve essere ben sigillato ed infornato in forno caldo al 180° per un tempo proporzionato alle dimensioni del pesce. Una cottura simile al cartoccio è quella in crosta adatta a pesci quali branzini, dentici ed orate. Si dispone il pesce pulito e asciugato  in una teglia con uno strato di sale grosso di 2-3 cm. Si ricopre il pesce completamente di altro sale grosso e si inforna a 220°; il sale manterrà gli aromi del pesce, che potrete condire a fine cottura  con olio extravergine di oliva e un pizzico di pepe macinato al momento.

Il pesce fritto infine deve essere pulito e immerso nel latte, passato nella farina e scosso per eliminare l’eccesso. Viene immerso nell’olio bollente ed è pronto quando risulta dorato e croccante. Cottura ideale per calamari, totani, anguille, naselli, gamberi, triglie, pesce persico.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Come fare crema al latte condensato

Come fare cookie americani