Ingredienti:
• 2 bicchieri di vino bianco secco
• 1/2 bicchiere di olio di oliva
• 1 mazzetto di erbe aromatiche (salvia rosmarino alloro)
• 2
• spicchi di aglio
• pepe nero q.b.
• ginepro q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 5 min
cottura: 00 min

Ecco come si fa la marinatura dell’agnello: una tecnica molto antica che serve per esaltare i sapori della carne e mantenerla tenera.

Anticamente, marinare l’agnello serviva per aumentarne i tempi di conservazione della carne (non solo ovina). Non esistevano infatti frigoriferi e freezer ed era fondamentale trovare delle tecniche che permettessero alla carne di conservarsi più a lungo. Olio, aceto e sale erano gli ingredienti utilizzati per questo scopo. L’aggiunta delle erbe aromatiche in cottura è una conseguenza di quanto detto: con il loro sapore e il profumo intenso, erano perfette per coprire l’odore della carne non più fresca.

Oggi chiaramente questo discorso non vale più, ma la marinatura dell’agnello resta ancora largamente impiegata nelle cucine. Il motivo è semplice: permette di esaltare tutti i sapori e, in un certo senso, attenuarne il gusto selvatico che spesso si riscontra. Come sempre, quando si parla di marinatura, ci si avvale di una combinazione specifica di ingredienti acidi e ingredienti grassi oltre a una discreta quantità di aromi. Ecco i nostri consigli per marinare la carne prima della cottura.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Marinare carne di agnello
carne di agnello da marinare

Come marinare la carne di agnello

  1. Prima di procedere, è di fondamentale importanza lavare la carne con acqua e aceto.
  2. Se desiderate potete anche rimuovere il sottile strato di grasso che ricopre costolette e cosciotto, responsabile del sapore selvatico.
  3. Fatto questo, adagiatela in una pirofila sufficientemente capiente e versate all’interno un’emulsione ottenuta con vino bianco e olio (il vino bianco può anche essere sostituito con succo di limone o aceto).
  4. Fatto questo aggiungete spezie ed erbe aromatiche a piacere, in foglia o tritate. Le qualità che si sposano meglio con questo animale sono quelle della macchia mediterranea quindi salvia, rosmarino, alloro ma anche bacche di ginepro e mirto.
  5. Non dimenticate poi di aggiungere qualche grano di pepe nero e un paio di spicchi di aglio schiacciato.
  6. Coprite la pirofila con della pellicola e mettete il tutto a marinare in frigorifero per almeno 3 ore, anche se l’ideale sarebbe tutta la notte.
  7. Trascorso il tempo di marinatura dell’agnello, scolatelo e tamponatelo con carta da cucina prima di procedere con la cottura.

A questo punto, potete dedicarvi alla preparazione di una delle tante ricette con l’agnello: senza dubbio la più semplice è l’agnello al forno, ma anche le nostre idee per preparare le costolette di agnello possono fare al caso vostro, anche se siete alle prime armi con queste preparazioni.

Conservazione

Anche se in passato la marinatura era una tecnica per aumentare la conservazione, noi troviamo che sia davvero un peccato non cuocere subito la carne, dopo aver fatto il suo meritato riposo tra vino, olio ed erbe! Sarebbe proprio un peccato non farlo perché è in questa occasione che l’agnello dà il meglio di sè!

5/5 (1 Review)
TAG:
Pasqua

ultimo aggiornamento: 20-02-2021


Crostata con crema pasticcera: semplicemente irresistibile

Torta senza burro: soffice e perfetta per la colazione