La cottura a vapore è perfetta per preservare le caratteristiche degli alimenti. Ecco come si fa, i pro e i contro e per quali cibi si può utilizzare.

La cottura a vapore è una tecnica scelta solitamente da coloro che desiderano preparare piatti leggeri mantenendo gran parte dei nutrienti presenti negli alimenti. Questa tecnica di cottura ha origini molto antiche e veniva utilizzata soprattutto nella cucina orientale, cinese e tibetana. Oggi ci sono diversi modi in cui è possibile sfruttare le forza del vapore per cuocere i cibi. Vediamo insieme quali.

10 piatti detox per rimettersi in forma dopo le feste

cottura a vapore
cottura a vapore

Come cuocere a vapore: gli strumenti

La cottura a vapore, in sostanza, si ottiene sottoponendo gli alimenti a un calore di circa 100°C ottenuto dall’evaporazione di acqua posta in una pentola. Non prevede quindi il contatto tra l’acqua e i cibi, dato che questi ultimi vengono posizionati su una superficie permeabile non a contatto con l’acqua.

Ci sono diversi modi di cuocere a vapore. In commercio esistono degli appositi cestelli che possono essere di bambù o di acciaio. I primi sono più delicati e vanno acquistati della misura corrispondente alla pentola con cui verranno utilizzati. I secondi invece si aprono a ombrello e si adattano a pentole di dimensioni diversi. In entrambi i casi servirà un coperchio per contenere il vapore all’interno e permettere così la cottura degli alimenti.

È anche possibile eseguire la cottura a vapore in pentola a pressione. In questo caso va obbligatoriamente utilizzato un cestello in acciaio la cui parte inferiore non sia a contatto con l’acqua. In pentola a pressione il vapore si forma tra i 112 e i 125 °C e questo permette una cottura più rapida, riducendo di 2/3 i tempi. Assicuratevi di lasciar sfiatare completamente tutto il vapore prima di togliere il coperchio.

Ci sono poi forni a vapore e microonde in grado di cuocere a vapore senza l’utilizzo di particolari utensili.

Vantaggi e svantaggi della cottura a vapore

È davvero difficile trovare risvolti negativi della cottura a vapore. Il principale riguarda le tempistiche: la cottura a vapore infatti è più lunga rispetto alla bollitura, ma per velocizzarla sarebbe sufficiente utilizzare una pentola a pressione.

Per quanto riguarda i vantaggi invece sono davvero molti. In primo luogo le vitamine idrosolubili e i fitocomposti rimangono all’interno dei cibi e non vengono disperse in acqua. In secondo luogo non sono previsti condimenti come olio e sale, garantendo piatti più leggeri. Infine sia il colore che il gusto dei cibi rimangono inalterati.

Cosa cucinare a vapore

Possono essere sottoposti alla cottura a vapore diversi cibi.

  • Verdure, forse le più idonee alla cottura a vapore per via non solo dei tempi di cottura contenuti, ma anche e soprattutto per la possibilità di mantenere inalterati i nutrienti. I tempi variano in base alle verdure: da pochi minuti delle verdure a foglia ai 15-20 minuti dei cavoli. Per le patate a vapore, a seconda della dimensione, dovrebbero bastare una decina di minuti.
  • Pesce, meglio se in filetti e fresco. In questo caso l’aggiunta di erbe aromatiche e spezie direttamente in cottura contribuisce a renderlo più saporito. Attenzione però a non esagerare con i tempi.
  • Carne, solo carni bianche che non richiedono lunghe cotture. Ottimo il pollo al vapore da accompagnare con una salsa leggera magari a base di yogurt.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2023 - PC

ultimo aggiornamento: 01-01-2023


Raspadura lodigiana: la storia di un prodotto nato come scarto

Cos’è l’uovo centenario? Vi presentiamo il discusso prodotto asiatico