Tutti i tipi di cavolo: ricette sfiziose e consigli per cucinarli al meglio

Che cavoli! I tipi, le caratteristiche e come cucinarli al meglio

Scopriamo insieme i tipi di cavolo da usare in cucina per dare vita a ricette sfiziose, naturali e ricche di gusto! Che differenza c’è tra uno e l’altro?

Non tutti amano i cavoli, soprattutto i bambini, ma più si cresce più si riescono ad apprezzare le diverse varietà di cavolo, e questo perché si tratta di alimenti non solo benefici e ricchi di proprietà, ma anche molto versatili e con cui si possono creare tantissime ricette.

Come detto, mangiare cavoli (e non a merenda!) fa molto bene per il nostro corpo: si tratta di alimenti ricchi di fibre, vitamine, antiossidanti e sali minerali, in particolare potassio, fosforo e calcio. Per di più, la loro composizione è fatta al 90% di acqua, e dunque sono anche un ottimo modo per depurare il nostro organismo. 

Siete pronti a scoprire quali sono le varietà più diffuse e scoprire come cucinarle? Allora cominciamo subito!

Le tipologie di cavolo: come cucinarle e caratteristiche

Cavolo nero, cavolo cappuccio, cavolo rosso, cavolo verza, cavolo rapa, cavolo romano, cavolo cinese, cavolfiore, cavolfiore viola, cavolini di Bruxelles, cime di rapa, broccoli… ecco quali sono i cavoli più usati in cucina! Scopriamo le caratteristiche di ognuno e vediamo una ricetta per ogni tipologia. Siete pronti per questo viaggio? Allora preparatevi, si parte!

1. Cavolo nero

Cavolo nero
Cavolo nero

Cominciamo con uno dei più interessanti: il cavolo nero. Questo è sicuramente fra le tipologie più usate nell’alta cucina, poiché il suo è un sapore deciso, forte e spiccato, e per questo si presta a tantissime preparazioni, fra cui zuppe, contorni o anche idee più fantasiose (avete provato le chips di cavolo nero?

Ricetta con il cavolo nero: la nostra proposta è quella di preparare una zuppa di cavolo nero. Abbinatevi cipolla, sedano, carote e delle patate e dei ceci (o dei fagioli), il tutto ingentilito dalla salsa di pomodoro e dai vari condimenti. Cuocete tutto a lungo e servite con delle fette di pane abbrustolite.

2. Cavolo cappuccio

Cavolo cappuccio
Cavolo cappuccio

Il cavolo verde cappuccio è una delle varietà più conosciute e si può consumare sia crudo che cotto. In ogni caso lavatelo bene e poi potete mondarlo o mantenere le foglie intatte, magari per creare decorazioni suggestive e accattivanti. È ottimo gustato con la bagna cauda, la celebre salsa di acciughe, aglio e olio piemontese.

Ricetta con cavolo cappuccio: fra le tante abbiamo deciso di proporre i crauti, un piatto tipico della cucina tedesca ma che oggi è conosciuto in tutto il mondo. Fate cuocere i cavoli con olio sale e pepe e poi aggiungete l’aceto bianco per dare quel tipico sapore acidulo. Potete anche aggiungere la pancetta per un risultato ancora più goloso.

In realtà questo alimento è tra i più versatili e le ricette con cavolo cappuccio sono moltissime: vi consigliamo anche gli involtini, la pasta, lo stufato…

3. Cavolo rosso

Cavolo rosso
Cavolo rosso

Il cavolo cappuccio rosso è simile al suo parente di colore verde, ma ha una forma più tonda. Anche questo si può gustare sia cotto che crudo ed è un jolly per le vostre ricette.

Ricetta con cavolo rosso: abbiamo pensato di consigliarvi un’insalata di cavolo rosso e speck. Questo contorno caldo si realizza facendo soffriggere della cipolla bianca nell’olio e aggiungendo poi lo speck, il cavolo e – a piacere – delle mele a cubetti. Delizioso!

4. Cavolo verza

Cavolo verza
Cavolo verza

Questo tipo di cavolo è molto simile al cappuccio, ma in realtà è diverso: si presenta di colore più scuro, mentre la sua consistenza è più rugosa e meno liscia, e lo si capisce subito quando lo si assaggia. È perfetto per cucinare zuppe, pasticci, involtini e primi piatti, e solitamente viene consumato cotto.

Ricetta con il cavolo verza: non possiamo non proporvi i pizzoccheri, un piatto tipico della Valtellina, dove il cavolo è uno degli ingredienti principali del sugo (insieme a patate, formaggio tipo fontina, formaggio grattugiato, burro e aglio). I pizzoccheri, invece, sono un tipo di pasta, che viene preparato con la farina di grano saraceno macinata a pietra. Provateli, sono laboriosi ma fidatevi… ne vale davvero la pena.

5. Cavolo rapa

Cavolo rapa
Cavolo rapa

Molto particolare e spesso sconosciuto, il cavolo rapa non ha niente a che fare con la rapa; la sua forma è particolare, piccola e schiacciata quasi ad assomigliare a un tubero. Le ricette con cavolo rapa sono moltissime: si può gustare sia crudo che cotto, e il suo è un gusto che ricorda vagamente quello dei ravanelli.

Ricetta con il cavolo rapa: visto il suo sapore leggermente acidulo, potete abbinarlo a delle patate e realizzare degli sformatini deliziosi. Cuocete entrambe le verdure in acqua salata e poi mischiatele con un uovo, del formaggio, sale e pepe. Infornate gli sformatini a 180°C e gustateli con una fonduta di formaggi.

6. Cavolo romano

Cavolo romanesco
Cavolo romanesco

Il cavolo romanesco o cavolo verde cimoso è un particolare cavolo facilmente riconoscibile dalla sua formaperfetta! Infatti, la geometria delle punte si ripete in punte sempre più piccole. Potete usarlo per tantissime ricette diverse, e anche se solitamente viene cotto, a chi piace crudo può anche provarlo in insalata.

Ricetta con il broccolo romanesco: una ricetta molto semplice ma efficace è quella di provarlo in una pasta, magari accompagnato da pancetta o speck croccante. Un piatto delizioso e semplicissimo, basterà far sbollentare il cavolo e poi saltarlo in padella in piccoli pezzetti, magari con uno spicchio d’aglio per insaporire.

7. Cavolo cinese

Cavolo cinese
Cavolo cinese

Il cavolo cinese, come si può facilmente intuire dal suo nome, è un prodotto che viene utilizzato principalmente nella cucina orientale, ma che oggi è anche diffuso in Europa. Il suo gusto è leggermente amarognolo e le sue foglie sono croccanti, dunque si presta perfettamente a zuppe, primi piatti e altre ricette sfiziose.

Ricetta con il cavolo cinese: potete preparare dei noodles cinesi e condirli con un sugo con il cavolo cinese in abbinamento a ingredienti come gamberi, germogli di soia, cipollotto, salsa di soia e altro ancora. Sbizzarritevi e create qualcosa di originale!

8. Cavolfiore

Cavolfiore
Cavolfiore

Il cavolfiore viene anche chiamato cavolo bianco o cavolfiore bianco, e viene consumato nelle tavole degli italiani soprattutto durante la stagione invernale. Il suo gusto delicato lo rende perfetto per tantissime preparazioni come creme, vellutate, sughi e tanto altro ancora. È anche uno degli ingredienti principali della celebre giardiniera.

Ricetta con cavolfiore: qui andiamo sul semplice con una deliziosa pasta con il cavolfiore. Fatelo saltare in padella con aglio, olio e peperoncino e poi conditeci la pasta aggiungendo del formaggio e magari qualche lamella di mandorla. Un piatto semplice, naturale e leggero, ma al tempo stesso delizioso.

9. Cavolfiore viola

Cavolfiore viola
Cavolfiore viola

Simile al suo parente, il cavolfiore viola cambia ovviamente nel colore poiché si tratta di un incrocio fra il cavolo bianco e il broccolo ed è un prodotto ricco di antiossidanti, dunque importantissimo da inserire nella nostra dieta.

Ricetta con il cavolfiore viola: visto il suo colore, noi vi proponiamo una crema di cavolfiore, che potete servire con la pasta, con il risotto o un altro primo a piacere. Sbollentatelo o saltatelo in padella e poi frullate con altri ingredienti per insaporire, come sale, pepe, noce moscata, olio, formaggio ecc. Delizioso e… di grand’effetto!

10. Cavolini di Bruxelles

Cavoletti di Bruxelles
Cavoletti di Bruxelles

I nemici di ogni bambino: eccoli qua! I cavolini di Bruxelles sono una varietà di cavolo molto piccola, poiché si tratta dei germogli della pianta, e sono diffusi nell’Europa del nord, in prossimità di Bruxelles.

Ricetta con i cavoletti di Bruxelles: nulla di più facile. Prendete i cavolini, tagliateli a metà e saltateli in padella con olio, sale e pepe. Un contorno leggero, sfizioso e saporito pronto in pochissimi minuti!

Le ricette per cucinare i cavoletti di Bruxelles (e farli amare anche ai vostri bambini) sono molte

11. Cime di rapa

Cime di rapa
Cime di rapa

Le cime di rapa sono degli ortaggi che si trovano in diversi periodi dell’anno, e la cui varietà dipende proprio dai tempi di semina e di fioritura. Si consumano tendenzialmente cotte, e il loro gusto amarognolo viene abbinato a tantissimi ingredienti: sono deliziose come contorno, certo, ma lo sono ancora di più sulla pasta o sulla pizza. Gli abbinamenti perfetti? Salsiccia o acciughe.

Ricetta con le cime di rapa: non potevamo non proporvi le famose orecchiette con le cimette di rapa. Fate un soffritto con aglio, olio extravergine, peperoncino e acciughe, e poi a questo delizioso sughino aggiungete le cime. Saltate poi le orecchiette e, infine, aggiungete una bella grattata di pecorino.

12. Cavolo broccolo

Broccoli
Broccoli

Chiamati molto più semplicemente broccoli, sono fra le tipologie di cavolo più diffuse nella cucina italiana. Il loro è un gusto che non è sempre apprezzato, ma se cucinati con consapevolezza possono diventare l‘arma segreta della vostra cucina: sughi, contorni, piatti unici e tanto altro ancora.

La ricetta con i broccoli: sono ottimi abbinati alla salsiccia nelle orecchiette, ma oggi noi vi proponiamo un altro piatto: i broccoli al gratin. Fate sbollentare le cimette e poi mettetele in una pirofila con besciamella, parmigiano, sale, pepe e pangrattato. Cuocete in forno a 180 °C per circa una mezzora, e quando la superficie sarà gratinata il piatto sarà pronto!

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 25-11-2019

X